Le storie di arti marziali mi hanno sempre affascinato, un po’ per la filosofia di continuo perfezionamento fisico e mentale che le accompagna, un po’ perché non disdegno mai delle sane e divertenti mazzate con adrenalina annessa. Per questo oggi vi parlo di un’opera che ho apprezzato particolarmente: Grappler Baki. Questa serie è un anime del 2001, trasposizione del manga di Keisuke Itakagi e che copre la prima parte del fumetto. Di conseguenza l’anime ha un finale aperto (e vi consiglio di leggere il manga).

La trama di Grappler Baki

Hanma Baki non è un ragazzo come tutti gli altri, è il figlio dell’uomo più forte del mondo: Hanma Yujiro. Tutta la sua vita è incentrata sull’obiettivo di diventare sempre più forte e sconfiggere suo padre.

Trama scarna ed essenziale, ma resa in maniera eccellente.

Caratteristiche

Per chi ama il genere spokon incentrato su sport di combattimento questo è un titolo vivamente consigliato in quanto, pur con alcune derive irrealistiche, i combattimenti sono curati in ogni loro aspetto, garantendo sempre un alto grado di spettacolarità e divertimento per lo spettatore.

Essendo incentrato sulla fisicità dei personaggi, purtroppo la loro caratterizzazione psicologica non è trascendentale: si proverà molta simpatia per Baki, ma la sua unica caratteristica rilevante resta la determinazione a raggiungere l’obiettivo, come tutti i protagonisti di questo genere.

Hanma Yujiro

Uno dei motivi per cui quest’anime merita di essere visto non è tanto il protagonista, quanto per l’antagonista della serie. Quest’ombra si farà vedere relativamente poco, ma simbolicamente accompagnerà sempre il protagonista: Yujiro, detto Ogre a causa della sua forza mostruosa.

Il padre di Baki, eterno traguardo per tutte e tre le serie del manga e ovviamente presente in quest’anime, è puro carisma. Non il carisma del leader o dell’uomo colto ed elegante, bensì il carisma animalesco del predatore in cima alla catena alimentare. L’autore è riuscito a creare un antagonista degno di questo nome, un antagonista che risulta insuperabile.

Nell’osservarlo e conoscerlo ci si immedesimerà in Baki, chiedendosi come diavolo farà a superare e battere una bestia del genere, questo T-Rex al cui confronto tutti gli altri lottatori comparsi sembrano agnellini. Un individuo che, consapevole di essere pura potenza, è arrogante e prepotente. Così annoiato dall’essere senza avversari da mettere incinta una donna per poi imporle di crescere suo figlio con l’obiettivo di farne un degno avversario, convinto che solo un lottatore col suo stesso sangue possa sfidarlo.

Baki's father anime version Baki's Yuijiro demon back muscles

Curiosità

Ikatagi per molti lottatori ha preso ispirazione da lottatori marziali, wrestler e atleti MMA realmente esistenti. Divertitevi  a trovare le somiglianze.

Conclusione

La descrizione minuziosa dell’antagonista fa comprendere quale sia la peculiarità di quest’opera, che lo fa salire sopra la media del suo genere e che la rende meritevole di essere guardato.

In conclusione, se siete alla ricerca di un buon anime di mazzate, Grappler Baki fa al caso vostro. Oltretutto esiste una seconda serie incentrata esclusivamente su un torneo di arti marziali.

Baki the grappler manga version Baki Yuijiro demon back muscles manga version

HAIL FANACEA!