Un sabato pomeriggio come tanti altri, accendo Netflix, mi compare nella home il documentario Jim & Andy, che a quanto leggo dalla descrizione parla del periodo in cui Jim Carrey interpretava Andy Kaufman durante le riprese del film Man of the moon.

“Ok, il film mi era piaciuto, vediamo com’è questo documentario” mi dico e… BAM! mi sono trovato davanti una pellicola da pelle d’oca, un documentario potentissimo che parla di senso della vita, legame tra realtà e finzione, identità e descrive la carriera di un attore che mi ha accompagnato per tutta l’adolescenza.

La prima cosa che mi ha fatto esclamare “Wow ma che figata!” è che gran parte del documentario è composto da vere riprese dell’epoca, in quanto Jim Carrey nel 1998 aveva acconsentito ad una piccola crew di documentaristi di essere ripreso durante i mesi di produzione del film Man of the moon ma che per motivi “di produzione” (leggesi l’universal voleva proteggere l’immagine dell’attore) è rimasto chiuso in un cassetto per 20 anni.

Grazie a queste riprese assistiamo ai vari dietro le quinte del film: i rapporti fra il cast, i siparietti divertenti durante le sessioni di trucco, ma soprattutto vediamo come durante quei mesi di riprese Jim Carrey si fosse talmente calato nella parte di Andy Kaufman da credere di essere davvero Andy Kaufman!
Notiamo come la personalità di Jim venga annullata da quella di Andy e che questa cosa venga assecondata da tutta la troupe, la quale è praticamente costretta a rivolgersi a lui sempre e solo col nome Andy.

L’immedesimazione è talmente grande da essere quasi inquietante, in particolare nei momenti con i VERI parenti e amici di Kaufman presenti sul set o la frustrazione del regista, incapace di comunicare e dirigere il reale Jim Carrey anche solo per poco… Assurdo!

Oltre alle riprese dell’epoca il documentario ci mostra Jim Carrey adesso, seduto davanti la cinepresa raccontare i processi della sua metamorfosi in Andy, tutti i suoi turbamenti e soprattutto la difficoltà nel ritrovare la propria reale personalità dopo il film, mostrando un quadro piuttosto inquietante di un interprete capace di rompere ogni divisorio fra sé e il suo personaggio, finendo però per perdersi dentro di esso.

In sostanza Jim & Andy è uno splendido documento nel quale l’attore comico più famoso degli anni ’90 mette a nudo se stesso, la sua grande comicità, la sua fragilità e la costante ricerca della sua identità.

VOTO: 5 su 5

Non deluderà nessuno!