DIY: costruire un cabinato fai da te per il retrogaming selvaggio – Parte 2

Iniziamo finalmente a mettere le mani sui nostri componenti acquistati nella parte 1

Partiamo dal preparare la nostra SD facendo una bella formattata. possiamo farlo dagli strumenti di sistema (windows o mac è indifferente) oppure usare lo strumento SD Card Formatter che si può scaricare gratuitamente da qui.


Installazione del sistema operativo

Bene, è giunta l’ora di scegliere ed installare il nostro OS preferito.
Qui la scelta sta a voi, ne esistono per tutti i gusti, vi elenco solo quelli che ho avuto la possibilità di testare personalmente:

Retropie. Il più famoso, grade varietà di emulatori ma un po’ da smanettoni
Retropie_Splash

Lakka. Mininal, l’interfaccia ricorda molto quella della PSP o della play3
lakka_Splash

Recalbox. a mio avviso il più performante. Molto simile a retropie, ma più user-friendly e dall’interfaccia molto più accattivante.
recalbox_Splash

In questa guida utilizzeremo Recalbox, poiché il più facile da istallare e intuitivo da utilizzare.

– step 1: andate qui e scaricate l’ultima versione di Recalbox OS.

– step 2: Unzippate recalboxOS.zip, e copiate tutti gli elementi nella vostra SD formattata in precedenza.

– step 3: Inserite la micro SD nel vostro raspberry, connettete HDMI, tastiera e il cavo d’alimentazione.

Non appena si sarà avviato inizierà a installare il nuovo sistema operativo automaticamente, aspettate che abbia finito la procedura ed il gioco è fatto, avete la vostra stazione d’emulazione pronta da caricare con tutti i giochi che desiderate!


Configurazione del/i Joypad

L’ultimo passo da fare è configurare i nostri joystick come input di gioco.
Nel mio caso ho utilizzato i pad della play3 ma va bene qualsiasi joypad USB.

– Spegnere il raspberry

– Inserire il joypad nella presa USB

– Avviare il raspberry

– da tastiera entrare nel menu (tasto enter)

– configurazione controller >>> configura nuovo controller

– seguire le indicazioni a schermo per il settaggio di tutti i pulsanti

gamepad_config

Nel caso dei pad playstation o Xbox verranno rilevati automaticamente dal sistema con la pressione prolungata di un tasto e sarà necessario solamente premere i pulsanti nella sequenza indicata.

Tutto qui, nulla di complicato. Ora siete pronti a godervi uno zelda per snes o uno dei vari picchiaduro Neo Geo direttamente dal vostro divano.

recal_home1

 

Nella parte 3 vedremo come gestire il nostro OS dal pc, inserire roms e nuovi emulatori (poiché non tutti sono preinstallati nel sistema).
Sia chiaro, non vi dirò dove e come procurarvi le roms poiché non mi è consentito farlo in questa sede ma sono sicuro che troverete voi un modo……

3 commenti su “DIY: costruire un cabinato fai da te per il retrogaming selvaggio – Parte 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.