Deadpool Meets Cable: tutti i segreti del trailer

Deadpool analisi del trailer

Rieccoci ad un’altra puntata di “tutti i segreti dei trailer”! Oggi vi parliamo dell’ultimo Cinecomic della 20 century Fox: Deadpool 2. Deadpool è una garanzia, che sia un fumetto oppure un film è stracolmo di riferimenti, easter eggs e citazioni. Da Batman a Star Wars, passando per Toy Story, oggi abbiamo scovato tutti ma proprio tutti i segreti dell’ultimo trailer per voi!

Sono nato in guerra e ci sono cresciuto

Questa frase è incredibilmente somigliante a quella pronunciata da Bane ne “Il Cavaliere Oscuro”.

Più macchina che uomo

Un riferimento al vecchio Ben Kenobi? Anche in questo caso può trattarsi solo di una coincidenza, ma “nella nostra esperienza la parola coincidenza non esiste”. Un secondo possibile riferimento potrebbe essere legato al John Connor di Terminator che combatte in un futuro post-apocalittico una guerra contro le macchine, i due hanno entrambi una cicatrice sull’occhio e [SPOILER ALERT TERMINATOR GENYSIS] iniziano entrambi come condottieri umani e finiscono per diventare in parte macchine [/SPOILER ALERT TERMINATOR GENYSIS CHIUSO]

Up to Eleven

“Up to Eleven” è un’espressione inglese nata con il film del 1984 This Is Spinal Tap che indica il posizionamento dell’amplificatore (che normalmente va da 1 a 10) ad un valore di 11, in pratica significa “Oltre il Limite” che è il livello di potenza a cui Cable setta il suo fucile. Ma non finisce qui: c’è un’altra “arma a 11” (Weapon XI) nel film ed è proprio il codice identificativo che hanno dato a Deadpool quando lo hanno messo nel programma con Wolverine. Coincidenze?

Braccia verdi, baffi e ghiottoni

Doppio riferimento ad altri due cinecomic tragicamente famosi per qualche leggerezza riguardo agli effetti visivi: il primo “Justice Leage” ed i Baffi di Henry Cavill (Superman) eliminati digitalmente in postproduzione perché l’attore mentre recitava era sotto contratto anche per il film “Mission Impossible 5” per il quale era obbligato a tenere i baffi. Il secondo e meno diretto riferimento è al film “X-men origins: Wolverine” ed al fatto che al tempo dell’uscita del film erano trapelate delle scene del film prive della post produzione le quali mostravano ancora tutti gli effetti posticci e privi di CGI usati durante le riprese.

Faccio da solo

La frase utilizzata da Deadpool “fine, I’ll do it myself” è invece un chiaro riferimento a quella pronunciata da Josh Brolin (Cable) nella scena post-credit di Avengers: Age of Ultron nel quale lo stesso Brolin interpreta il malvagio titano Thanos. Da qui in poi i riferimenti ad Avengers ed alla recente acquisizione della Fox da parte della Disney non mancheranno.

Bambino mutante

In questa scena abbiamo invece una piccola anticipazione del personaggio interpretato da Julian Dennison. Un giocattolo con il suo aspetto assiste allo scontro tra Deadpool e Cable per le strade. Ricordiamo che il piccolo mutante piromane di cui stiamo parlando è comparso nel trailer precedente di Deadpool e sarà quindi presente nel film.

Woody, il West e Silverado

Questa è una delle scene più dense di citazioni e riferimenti, ma andiamo per ordine: i soldatini verdi in basso a destra sono un riferimento a Toy Story, citazione confermata dalla scena in cui vediamo Deadpool vestito come il cowboy Woody. Come se non bastasse Deadpool pronuncia una delle sue frasi famose “Reach for the sky” (mani in alto). In tutto ciò si sente di sottofondo la colonna sonora di Silverado (Classico Western del 1985).

Wade e le action figure

Non è la prima volta che vediamo Wade Wilson con una sua action figure. Nel primo film Wade possiede un’action figure del suo precedente ruolo come Deadpool nel disastroso X-Men origins: Wolverine. Gli piace essere Action Figurato.

Avengers

“lo sai che sei più alto nel..” film degli Avengers oppure “lo sai che sei più alto nel..” fumetto. La frase è volutamente tagliata e può fare riferimento sia all’imminente Avengers: Infinity War nel quale Josh Brolin (Cable) interpreta un personaggio enorme (Thanos) oppure al fatto che nei fumetti Cable è grosso più del doppio di Deadpool. In ogni caso la battuta è una presa in giro alla statura di Brolin 1,78 a confronto con Ryan Reynolds (Deadpool) che lo sovrasta di ben 10 cm. E poi c’è chi dice che le dimensioni non contano. Tocca far fare il casting a Capo Oro la prossima volta, Ron Perlman non si sarebbe sentito così piccolo.

I Wonder Twins

“Hey ma non è la tua battuta!” riferita alla frase di Deadpool “attivazione potere rigenerante” è un omaggio ai Wonder Twins (Gemelli meraviglia) ed alla loro frase celebre “Potere dei Gemelli Meraviglia attivato!”. I Wonder Twins sono, tra l’altro, personaggi della DC (e siamo alla seconda presa in giro della ormai unica concorrente della Marvel-Disney).

Le gemme dell’infinito

“Ho le pietre per aiutarti” è l’ennesima inside joke riguardo a Thanos. Nell’universo Marvel Thanos è alla ricerca delle gemme dell’infinito per completare il suo guanto e dominare su tutto l’universo (o uccidere tutti). Thanos nei film non è ancora riuscito a raccoglierle e Deadpool si propone di dargli le sue.

Andy / Wade

A completare la scena non poteva mancare un altro riferimento a Toy Story, ovvero il nome sotto i piedi dei giocattoli proprio come Andy nel film.

DMC

I soldati DMC non sono (ahimé) un riferimento ai mitici Run DMC ma è possibile che sia una versione militarizzata dell’organizzazione già comparsa in x-men the last stand nota come DMA Department of Mutant Affairs. Se fosse così l’acronimo potrebbe significare Department of Mutant Control a rappresentare quant

Purificatori

“Purity Humanity Infinity” potrebbe essere un preludio all’avvento dei Purifiers (purificatori) un gruppo di estremisti anti-mutanti che nei fumetti sono guidati da William Striker ed hanno l’obbiettivo di “Purificare” la terra dai mutanti.

La padella di Vibranio

Questa è per i gamer. PlayerUnknown’s Battlegrounds, comunemente abbreviato in PUBG, è un Massively Multiplayer Online game di tipo Survival game. In questo gioco la Padella, oltre ad essere un’arma per attacchi in mischia, ha anche dimostrato di essere “a prova di proiettile” cosa che l’ha fatta subito diventare una delle armi/accessori più famosi del gioco. La cosa non è sfuggita agli scrittori di Deadpool (probabilmente gamer) che hanno voluto integrarla nel film. Se volete scoprire il grado di resistenza della padella cliccate qui .

 

Christopher Hastings

Hastings è la vera via di Vancouver nella quale è stato filmato il film ma può anche riferirsi sia all’autore Christopher Hastings che ha scritto Fear Itself Deadpool e Gwenpool.

Orsacchiotto

Cable nei fumetti, per chi non lo sapesse,ha viaggiato nel tempo ed ha avuto il compito di prendersi cura della Piccola Hope Summers (la stiamo facendo semplice perché la trama è più complessa di quella di tutti i Terminator Messi assieme). Quando Cable prende sotto la sua custodia la bambina, che può dare una nuova speranza alla comunità dei mutanti, lei è ancora una neonata. Se anche nell’universo cinematografico la storia portasse ad Hope c’è da aspettarsi che l’omone abbia o abbia avuto il pupazzo con se per adempire ai suoi doveri di Baby Sitter spazio temporale. OPPURE vuole tornare indietro nel tempo per vendicare tutti i pupazzi violentati da Wade Wilson nel passato prima che succeda.

X-Force e 6 Pack

I personaggi che si vedono in questa scena pur non essendo confermati possono far pensare a diversi personaggi dell’universo fumettistico degli x-men. Dal gruppo di mutanti guidato da Cable nei fumetti X-Force al 6 Pack. Noterete la presenza di Terry Crews (fino ad oggi nascosta) sulla destra, molti credono che possa impersonare il non-mutante George Washington Bridge, altri hanno azzardato un Bishop (Alfiere). Il tizio dietro Domino potrebbe essere Fantomex (illusioni mentali e fattore rigenerante) ed infine l’ultimo è quasi sicuramente Shutterstar (Spade Spade e Spade con un pizzico di fattore rigenerante che non si sbaglia mai).

Goonies

In questa scena Wade indossa la famosa camicia fiori di Chunk dei Goonies. La connessione però non si limita ad un fatto estetico perché, nel famoso film di Richard Donner, Chunk e Brand (interpretato proprio da Josh Brolin) sono compagni d’avventura e mentre Chunk è l’elemento comico Brand (più vecchio) fa il fratello maggiore tutto muscoli Irascibile ed insofferente.

Questo è tutto (per ora) il trailer lo trovate qui

e come sempre

HAIL FANACEA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *