Far East Film Festival: il più importante festival di cinema asiatico in Europa compie vent’anni

Far East Film Festival 20

il Far East Film Festival, o più semplicemente FEFF, è il più importante Festival di Cinema Asiatico in Europa e si svolge a Udine proponendo ogni anno più di 70 film provenienti dai paesi dell’estremo oriente.

“Prima di essere un grande festival, inserito da Variety fra i “50 eventi da non perdere nel mondo”, il FEFF è una grande festa. Una grande festa del cinema che, dal 1999, ha portato a Udine autentiche leggende come JACKIE CHAN e JOE HISAISHI, super registi cult come JOHNNIE TO e TAKASHI MIIKE, dive e divi, attori e attrici, giovani promesse e vecchi leoni. Caratterizzato da una forte vocazione popolare e da un’atmosfera informale, il FAR EAST FILM FESTIVAL rappresenta il maggior epicentro europeo del cinema asiatico.”

Queste sono le parole che trovate sulla pagina Facebook del FEFF e non posso assolutamente dargli torto.
Siamo alle porte della 20° edizione e ormai io non sto più nella pelle, non vedo l’ora di immergermi nuovamente nella città di Udine, la quale ogni anno per l’intera durata del festival trasforma la sua popolazione e topografia, mescola i suoi odori e sapori, diventando una piccola Hong Kong, un porto franco dove si incontrano persone di nazionalità diverse creando scambi culturali e legami indissolubili, tutti uniti da un solo grande amore: il Cinema.

Youth, Feng Xiaogang, China 2017

È difficile spiegare il profondo amore che gli aficionados provano per il FEFF: è l’evento che aspetti tutto l’anno, la ragione per prendere ferie dal proprio lavoro (magari sacrificando qualche giorno delle ferie estive) e molto spesso ho sentito la frase: “la gioia dell’attesa del FEFF è come quella che da bambino provavi aspettando il Natale”.

La ragione per cui il FEFF è così sentito e amato sta nel fatto che è un festival per la gente, non solo per critici, giornalisti e addetti ai lavori ma semplici appassionati di cinema che possono tranquillamente bere un caffè di fianco a grandi registi o fare una foto con star del cinema cinese o coreano senza nessun problema.

È questa la magia del FEFF: tutte le distanze, le barriere, le divisioni tra pubblico e ospiti qui si annullano, creando solamente un’unica grande tribù.

1987: When the Day Comes, Jang Joon-hwan, South Korea 2017

Ma veniamo al pezzo forte, cosa ci aspetta in questa 20° edizione del festival?

81 titoli complessivi provenienti da 11 nazioni (Cina, Corea del Sud, Filippine, Hong Kong, Indonesia, Giappone, Malesia, Singapore, Thailandia, Taiwan, Vietnam) di cui:

  • 55 film in concorso
  • 6 anteprime mondiali
  • 12 anteprime internazionali
  • 22 anteprime europee
  • 3 anteprime mondiali di film restaurati
The Legend of the Demon Cat, Chen Kaige, China 2017

Cinema ma anche arte e illustrazione, infatti in contemporanea al FEFF verrà inaugurata una mostra personale di Ancco, giovane autrice coreana premio rivelazione ad Angoulême 2017 con “Ragazze Cattive” al Museo d’Arte Moderna e
contemporanea Casa Cavazzini dal dal 20 aprile al 13 maggio.

“Quest’anno sarà Via Mercatovecchio ad ospitare la Chinatown del FEFF: tutti gli eventi di piazza, il FEFF Market – sia nella versione Made in Asia (dal 20 al 25), che in quella Arte&Design (dal 26 al 29) – e il Cosplay Contest (25 aprile), coloreranno la via centrale della città supportati da un allestimento ad hoc”.

Insomma il piatto del FEFF è molto ricco anche quest’anno: 9 giorni di film e di incontri, 9 giorni di eventi e mercatini, mostre e spettacoli, disseminati nel cuore della città. Vi consiglio vivamente di dare una possibilità al Far East Film Festival, anche se non siete degli appassionati del cinema orientale, non ne resterete delusi.

Vi lascio con il divertentissimo trailer creato per questa edizione:

Spero di vedervi a Udine,
HAIL FANACEA!

 

Sito FEFF
Facebook FEFF

Biglietti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.