Giocare a Magic durante il lockdown

Ormai l’abbiamo capito tutti: siamo di nuovo in lockdown solo che fa brutto dirlo. Da un po’ ormai è diventato impossibile fare una sana partita in fumetteria o a casa di un amico, eccovi allora una pratica guida alle varie piattaforme e modalità per giocare a Magic durante il lockdown.

Magic Arena

Magic Arena è un videogioco free to play ufficiale per PC (a breve si spera anche per smartphone) che simula il gioco di carte in digitale basandosi su un matchmaking automatico. È un ottimo introduttivo, visivamente è molto bello e presenta un’eccezionale automatizzazione delle meccaniche del gioco che aiuta anche i nuovi giocatori a capirle e gestirle in fretta. Magic Arena non permette di giocare ogni formato ma una buona varietà: Standard, Historic, Pauper, Artisan, Brawl e quando ci sono i relativi eventi anche altri formati come Historic Brawl o Singleton. Spesso quando esce una nuova espansione è possibile giocare anche Draft e Sealed, che portano una bella boccata d’aria fresca al gioco che se giocato esclusivamente per scalare la classifica rischia di diventare ripetitivo. I mazzi si costruiscono usando le carte che oltre ad essere sbustate da eventi e premi, si possono acquistare singolarmente con i punti accumulati giocando, oppure spendendo soldi reali, cosa che non lo rende comunque un pay to win. Il sistema degli Amici è stato migliorato e ora si può chattare con loro e sfidarli senza problemi, magari stando in chiamata su Discord. Per quanto riguarda invece la comunicazione con l’avversario sono presenti solo alcune frasi prefatte da usare, a cui qualcuno mi fa notare andrebbero aggiunte: “bravo coglione”, “una mano migliore di questa non la peschi mai più” e “quanto cazzo sei sculato”; ma sono convinto che tutto sommato vada bene così, perché vista la community probabilmente un’eventuale chat sarebbe usata solo per flammare tutto il game, e per quello c’è già League of Legends.

Magic Arena

Magic the Gathering Online (MTGO)

L’altro videogioco online ufficiale che permette di giocare a Magic online è appunto Magic the Gathering Online, conosciuto anche con l’acronimo di MTGO. Le grandi differenze con il sopracitato sono due: si può giocare praticamente ogni formato, e senza dover aspettare la rotazione di eventi o simili,  però è a pagamento: sia l’account (solo all’iscrizione), sia le singole carte. È doveroso dire che di solito i prezzi delle carte sono considerevolmente più bassi delle loro controparti cartacee, anche se per alcuni formati questo può non valere. A differenza di Arena inoltre, presenta una ricerca delle partite manuale, selezionando il formato scelto, un’eventuale sottosezione casual/competitiva/ecc, per poi scegliere la singola stanza che rispecchi i criteri da noi richiesti. Il sistema degli amici funziona in modo piuttosto semplice ed intuitivo, l’interfaccia generale a primo impatto è antiquata e poco intuitiva, e la spettacolarità di Arena non compare nelle partite, durante le quali però è presente una chat con cui insultare i vostri avversari.  Si può dire che MTGO sia un investimento a lungo termine, anche in termini propriamente economici, non adatto a chi vuole limitarsi ad usarlo per i due mesi in cui gli viene voglia o solo durante l’isolamento.

Magic Online

XMage

Si tratta di un videogioco free to play basato su java che permette di giocare online in maniera molto simile a MTGO escludendo la questione della compravendita. Non spicca per la sua estetica ma permette di giocare pressoché ad ogni formato senza sborsare una lira. Anche Xmage come MTGO soffre un primo impatto non proprio intuitivo e semplice come quello di MTG Arena, ma dopo qualche partita ci si abitua. Purtroppo il grosso difetto di questa piattaforma è che non essendo un programma ufficiale, non è ampiamente supportato, il che implica sia qualche problema con i server dai quali capita di disconnettersi senza ragione, sia un bacino d’utenza piuttosto ristretto. Inoltre per funzionare richiede qualche intervento da parte dell’utente per essere avviato correttamente, per l’aggiornamento delle immagini e poche altre cose. Nonostante questa serie di difetti resta la mia opzione preferita per giocare in modo molto casual a Magic online, vista l’automatizzazione delle meccaniche,  la gamma di formati e la gratuità.

Xmage

Cockatrice

Cockatrice, oltre ad essere il nome di una gallina gigante che mangia gli avventurieri, è un software free to play per giocare online a Magic, ma a differenza di tutti i sopra citati, non presenta alcun tipo di automazione. Bisogna quindi eseguire manualmente ogni azione quando si vuole giocare una carta, attivare un’abilità, ecc. Questo può creare situazioni problematiche se non ci si trova d’accordo con l’avversario. Allo stesso tempo il gioco risulta molto più leggero degli altri e il rischio che si blocchi è quasi inesistente. Come per MTGO la ricerca della stanza è manuale e avviene mediante filtri e restrizioni; i formati disponibili sono tutti i conosciuti e anche altri se volete inventarne, visto che non avendo automazioni, non pone limiti di questo tipo. Cockatrice è quindi lo strumento adatto per giocare ad esempio con gli amici che non vi buttano fuori dalla stanza se siete in disaccordo su una meccanica; in alternativa è utile anche per testare i propri mazzi in solitario offline per vedere come girano.

Cockatrice

Magic su Webcam

Un’ultima alternativa che non ho mai provato ma che vedo essere molto usata dalle persone sui gruppi Facebook, è lo streaming del cartaceo via webcam, per trasmettere all’avversario il video del proprio board. Questa soluzione permette quindi di giocare solo i mazzi che si possiedono effettivamente, senza però dover scaricare e installare niente, né dover spendere soldi. Se scegliete quest’opzione e non sapete con chi giocare, probabilmente sui gruppi Facebook di Magic italiani e non, troverete sicuramente qualcuno che ha voglia di giocare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.