Film & Serie TV L'intrattenimento ignorante Uncategorized

PG: Psycho Goreman: il divertimento ignorante3 min read

Mag 25, 2022 2 min

PG: Psycho Goreman: il divertimento ignorante3 min read

Reading Time: 2 minutes

Il trailer lascia adito a ben pochi dubbi, PG: Psycho Goreman si preannuncia come una trashata scyfy-horror in salsa anni ‘90. La trama non ha bisogno di molte spiegazioni: i fratelli Mimi e Luke incontrano una creatura di pura malvagità e disperazione (che chiameranno Psycho Goreman, PG per gli amici), e saranno in grado di controllarlo a loro piacimento. 

La trama ha l’unico scopo di dare la nota iniziale per quella che sarà una sinfonia composta da scene comiche che sfociano nell’assurdo, con però degli intermezzi gore/splatter decisamente inaspettati. 

come sarebbe “non c’è una trama?”

Le citazioni e omaggi (che a volte sfiorano il vero e proprio plagio) fatti dal regista/sceneggiatore Steven  Krostanski (co-creatore the Void) sono decisamente numerose: D&D, Transformers, Battlestar Galactica, Gundam per nominarne alcune, lo stesso PG ricalca in modo impressionante Oderus Urungus dei Gwar. Gli effetti speciali, la CGI, i costumi, perfino le scene in slow motion sembrano quelle di un film delle tartarughe ninja (quelli anni ‘90). Fortunatamente però il risultato non è una copia carbone di qualcosa di già visto. 

Ma quindi è una vaccata?

Nonostante l’estetica non sorprenda o brilli per originalità (dopotutto la pellicola è uscita in piena ondata revival anni 80/90), ha il merito di riuscire a trovare una sua identità ed a sviluppare una personalità propria che permette di arrivare ai titoli di coda senza quel sapore di “visto e stravisto” che contraddistingue i film del genere. I personaggi per quanto accennati hanno tutti una propria individualità: dai fratelli, a PG, ma anche ai genitori (che fungono da spalle comiche). La vera punta di diamante però la fanno i dialoghi: concisi, spigliati, dinamici, con un ritmo dosato al punto giusto che permette alle scene di scorrere senza tempi morti. Ogni scena in cui ci sono i due fratelli non ha nulla a cui invidiare ai dialoghi di Wheadon, Gunn o Black. Aggiungete al tutto delle scene splatter che renderebbero felice Cronenberg ed avrete grossomodo un quadro di quello che vi aspetta.

allacciate le cinture, si parte per spassolandia

Per cui non vi resta che mettervi comodi, agguantare un secchio di pop corn e godervi questo piccolo gioiello, vi farà passare un’ora e mezza in men che non si dica!

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Per offrirti il miglior servizio possibile, in questo sito utilizziamo i cookies. Continuando la navigazione ne autorizzi l'uso. OK Maggiori informazioni