Rick e Morty: il Dottore sotto Anfetamine!

rick e morty

In un afoso giorno estivo, in preda alla noia più totale, ho deciso di cercare sollievo scorrendo la lista di titoli “aggiunti di recente” su Netflix. Fra tutti, uno in particolare ha attirato la mia curiosità: Rick e Morty. Venti minuti più tardi, alla fine del primo episodio, il mio cervello era sparpagliato in giro per la stanza ed io fissavo lo schermo come un ebete, mentre le mie dita correvano già sulla tastiera dello smartphone per consigliare la serie ad un paio di amici. Ma procediamo con ordine

rm1
Rick (a sinistra) e Morty (a destra). Vi ricordano qualcuno? No? Sicuri?

Rick e Morty è una brillante serie animata di genere Sci-Fi/demenziale, creata per Adult Swim da Justin Roiland e Dan Harmon, in cui il dark humor e la comicità dell’assurdo la fanno da padrone, miscelandosi in uno show completamente fottuto di cervello e ricolmo di citazioni della cultura pop. Rick è uno scienziato pazzo e alcolizzato, tanto geniale quanto fuori controllo, che, trasferitosi nel garage della figlia per motivi imprecisati, trascina il nipote Morty, un ragazzino sfigatello e non troppo sveglio, in una serie di avventure interstellari/extradimensionali al limite del no-sense. In pratica un Doctor Who sotto acidi.

Buona parte del disturbante fascino della serie deriva dal fatto che Rick è sostanzialmente un sociopatico dall’ego smisurato, apparentemente incurante della sicurezza e delle emozioni altrui, capace di uccidere senza battere ciglio chiunque si pari tra lui ed i suoi folli progetti e di mettere il nipote ed il resto della famiglia in situazioni assurde e potenzialmente mortali pur di raggiungere i suoi scopi. Immaginate qualcuno così freddamente pragmatico che, dopo aver provocato ed assistito alla fine del mondo, anziché disperarsi apra semplicemente un portale per un’altra dimensione e ci si trasferisca salvando solo il nipote. Ecco, quello è Rick. Morty, per contraltare, essendo estremamente emotivo, sensibile e dotato (alle volte) di comune buon senso, funge, spesso inutilmente, da coscienza per il nonno. O molto più spesso da ignaro strumento da impiegare nei suoi piani. Il resto della famiglia, ovvero la sorella di Morty (liceale ossessionata dalla popolarità), la madre di Morty (figlia di Rick e cardiochirurgo, ma SOLO per cavalli) ed il padre di Morty (pubblicitario fallito e tutt’altro che brillante, che detesta Rick), funge da contorno, il più delle volte vedendosi sconvolgere la vita dalle invenzioni e dalle trame di Rick e creando delle situazioni sorprendentemente umane per il tono generale dello show. Lo stesso personaggio di Rick è fulcro di alcuni momenti di profonda e cupa introspezione che ne bilanciano il lato demenziale, contribuendo al fascino della serie (un po’ come in Futurama).

rm2
Rende l’idea?

Sebbene la serie abbia un unico filo conduttore, ogni puntata ha una trama a sé stante, quasi sempre contenente riferimenti più o meno espliciti a film cult e alla cultura pop in generale (ad esempio Jurassic Park, Inception, Nightmare, Alien e molti altri). Gli episodi si sviluppano in maniera brillante, alternando le avventure improbabili dei protagonisti con le vicende normali (ma spesso anche no) del resto della famiglia, e, in alcuni casi, presentano colpi di scena degni delle migliori produzioni di Hollywood. Le citazioni ed i riferimenti alla cultura pop non si limitano ai contenuti degli episodi, ma si estendono alla sigla (qui) (che a livello musicale strizza l’occhio all’opening di Doctor Who) ed ai titoli delle puntate. Lo stesso design dei due protagonisti è un chiaro rimando a Doc e Marty di Ritorno al Futuro (ed infatti la serie deriva da una vecchia parodia di BTTF) e la principale risorsa di Rick è una Portal-Gun (SPAAACEEEE). Personalmente consiglio questa serie a chiunque ami il genere Sci-Fi, il nonsense ed il black humor. Sono sicuro che molti apprezzeranno le due stagioni già uscite, a patto di riuscire a sopportare i continui rutti di Rick ed il caratteristico balbettio di molti dei personaggi.

Una chicca per gli appassionati dei simpson qui. Vi è venuta voglia di vederlo, vero?

HAIL FANACEA!

1 commento su “Rick e Morty: il Dottore sotto Anfetamine!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.