Westerado: cowboys in 2D

recensione westerado

Salute fanacei e fanadee, era da un po’ che volevo cimentarmi come molti altri nella recensione di “cose che a me mi piacciono ma molto/moltissimo/tanto così” e così mi sono detto “Hey, perché non lo faccio anch’io? Prendo l’ultimo gioco a cui sto giocando su Steam (sempre lode a Lord Gaben) e ci scrivo su qualcosa!”

E quindi ciancio alle bande e preparatevi a gustare la recensione di Westerado: viaggio nel vecchio pixel-west.

C’era una volta Westerado

Westerado: Double Barreled è un open world spaghetti western in 2D sviluppato dalla Ostrich Banditos, una casa di sviluppo olandese semi-sconosciuta, e pubblicato dalla Adult Swim Games nel 2015 per la piattaforma Steam, con una prossima uscita anche su Xbox One.

La grafica di Westerado è in puro stile pixel art, con una visuale dall’alto leggermente inclinata come si vedeva nei vecchi giochi da console anni ‘90. Non fatevi ingannare dalla dicitura pixel art: le ambientazioni sono ricche di dettagli e molto ben fatte, e anche se lo scorpione è solo un grumo di 6-7 pixel che si muove veloce o non potete riconoscere la faccia del bandito che vi sta di fronte, che vi importa? Dovete sparargli, punto!

Lo scopo del gioco è il sempreverde, classico e mai noioso, obiettivo di ogni western che si rispetti: la vendetta. Vendetta su quel bandito senza scrupoli che all’inizio del gioco ci ha ammazzato la famiglia e dato fuoco al nostro ranch.

westerado bandit
Un milione di modi per morire nel West

Senza più niente da perdere e armati solo della sei colpi di nostro fratello, partiremo alla ricerca del colpevole avventurandoci nel vecchio e selvaggio west, e tra miniere pericolanti, deserti pieni di scorpioni e criminali dal grilletto facile ci faremo mano a mano strada verso missioni sempre più difficili dove l’abilità delle nostre dita e le scelte che faremo nel corso del gioco ci forniranno indizi utili per trovare il colpevole delle nostre disavventure.

L’ABC del pistolero

Ammettiamolo, la prima cosa che vogliamo sapere non appena iniziamo un gioco è: come ci si muove? E soprattutto, come si spara?

Beh, niente di più semplice. Qui vige il classico WASD per muoversi, più lo SHIFT per correre, E per interagire, P per visualizzare la mappa e le missioni in corso, mentre per le armi si ricorre ad una combinazione di tasti: il tasto J serve per estrarre/rinfoderare l’arma (in qualsiasi momento, anche durante i dialoghi, da provare assolutamente), K invece per alzare il cane e, per poter sparare, premerlo di nuovo.

All’inizio potrà spaventare questo sistema, e non mancheranno le volte in cui nella foga del combattimento si sbagli la sequenza, ma dopo un paio di prove sparando alle classiche bottiglie da whisky sparse un po’ dappertutto nella mappa, vi sentirete come dei veri Clint Eastwood/Trinità della situazione.

westerado sparo
You shoot me down, bang bang…

Inoltre il sistema di combattimento è strettamente bidirezionale: potete muovervi liberamente all’interno dell’area ma potrete sparare solo o a destra o a sinistra, nessun sistema di puntamento. Per colpire i nemici dovrete posizionarvi alla stessa altezza ed essere più veloci di loro nello sparare; e se la cosa è facile quando ce ne sono solo 2 o 3, provate a farlo quando saranno una decina sullo schermo… Ah e dimenticavo, la vostra sei colpi ha DAVVERO sei colpi, quindi quando li esaurite, premete R per ricaricare o dite addio al vostro cappello… Perché ho detto cappello?

Ma è ovvio, la vostra vita è conteggiata in cappelli da cowboy: partirete con 3 cappelli e sta a voi non perderli. Inoltre c’è una bella chicca: se sparate al vostro avversario sul cappello lui fuggirà lasciandovi un cappello da raccogliere e riutilizzare come vostro! Non è geniale?!?!

Ho un serpente nello stivale

Torniamo al punto principale di Westerado: trovare il bandito responsabile della morte della nostra famiglia e del ranch distrutto.

Per poterlo scovare dovremo chiedere informazioni in giro per ottenere missioni da completare. Ogni missione che completeremo ci fornirà la descrizione di una parte del capo di vestiario indossato dal nostro nemico. Gli indizi raccolti andranno a comporre la figura finale del cattivo visibile all’interno dell’inventario/mappa.

Ma le missioni non sono tutte facili: sgominare bande costa, i cappelli/vita persi vanno ricomprati e se si muore si perde metà del denaro guadagnato.

Esistono varie strade per poter guadagnare denaro:

  • completare quest: missioni di protezione portano dei bei centoni nelle proprie tasche (proteggere la mandria di bufali o le diligenze dai banditi).

20161022215034_1

  • cacciatore di taglie: cercare il brutto di turno “vivo o morto” (le taglie le trovate all’ufficio dello sceriffo o al saloon.

taglia

  • esplorazione: si trovano tesori nascosti negli angoli più remoti della mappa.
  • giocare a poker: ebbene sì, al saloon potrete giocarvi tutto (escluse le mutande) a poker. Non fatevi assolutamente ingannare dalle prime partite, è il classico gioco del pollo spennato: prima vi fanno vincere facilmente fingendo di non saper giocare solo per poi ripulirvi per bene quando vi arrischiate a giocare una mano che consideravate fortunata. Io sono rimasto al verde ben 2 volte, e sapevo già le regole.

20161020224918_1

Perché lo consiglio:

Westerado è un bel gioco adatto come passatempo, una volta acquisite le meccaniche di base il gioco fila via senza troppa difficoltà. L’atmosfera è tranquilla e piacevole, e le sessioni di combattimento terranno impegnato il giocatore senza però scoraggiarlo.

Le uniche note dolenti che ho riscontrato sono:

  • mancanza di traduzione: il gioco è solo in lingua inglese, e per chi non mastica la lingua della terra della libertà si ritroverà in difficoltà nel comprendere certi dialoghi.
  • prezzo alto: il prezzo secondo me è troppo elevato per un gioco che si può concludere in una decina di ore se ci si mette d’impegno. Consiglio di acquistarlo solo durante i saldi di Steam, quando il prezzo scende ad almeno 5 euro.

Come? Non siete ancora convinti? Beh, avete due opzioni: acquistare il gioco e se non siete soddisfatti dopo un paio d’ore richiedere il rimborso a mamma Valve, oppure potete provarlo gratuitamente da browser! Esatto, avete capito bene! Sul sito della Adult Swim potrete provare il gioco intero, senza però aver la possibilità di salvare i progressi.

Non vi resta altro da fare che aggiungerlo alla lista ed attendere la prossima sessione di saldi!
Alla prossima recensione! E non dimenticate,

HAIL FANACEA!

Voto finale: 3 Gaben su 5
Voto finale: 3 Gaben su 5

1 commento su “Westerado: cowboys in 2D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.